Comprendere il pianto: questione di sintonia

Comprendere il pianto: questione di sintonia
Idee per feste di compleanno Super! 
 

Spesso il pianto del neonato risulta difficile da decifrare, talvolta spaventa e altre volte sfinisce

in realtà il piccolo sta comunicando con voi.

Infatti i neonati comunicano ai genitori con il pianto, esso non è una forma di capriccio ..ma è una richiesta d’aiuto e di cura.

La madre, principalmente, sviluppa una capacità di ascolto e risposta dei bisogni del bambino, così la reciprocità  pianto – risposta crea interazione affettiva. Ad una richiesta corrisponde così una risposta di comprensione e il piccolo sente di essere in uno stato di benessere grazie proprio alle cure della madre.

Il pianto quindi è il primo canale comunicativo che il bambino possiede alla nascita; esistono varie tipologie di pianto, ciò che le distingue è il picco del pianto, il ritmo e l’intensità. Generalmente con esso il bambino comunica fame, dolore, sonno , allontanamento dalla madre o noia.

Appena nato il bambino non ha consapevolezza che quando piange la madre accorre da lui, ma con il passare del tempo apprende questa modalità di causa-effetto e inizia ad usare intenzionalmente il pianto tra otto e dodici mesi circa.

La reattività della madre a capire il tipo di pianto  più faciliterà lo sviluppo del temperamento , capacità cognitive e linguistiche del bambino.

Infatti la risposta più frequente al pianto è “ prendere in braccio “ , è stato dimostrato che questo comportamento nella maggior parte dei casi fa cessare il pianto velocemente e fa sentire il bambino come un soggetto visto e avvertito. Inoltre le parole e la rassicurazione verbale pronunciata dalla madre, migliora le capacità comunicative del piccolo.

Quindi care mamme avete un compito molto difficile, ossia la gestione del pianto del vostro bambino e le seguenti risposte comportamentali che fornite.. ma tranquille avverrà tutto in maniera molto naturale. Abbiate fiducia, sarete sicuramente delle buone madri.

 

 

Dott.ssa Annalisa Croci
Psicologa psicoterapeuta
tel. 334.235.76.96
www.ascoltopsicologo.it

 

Potrebbe interessarti anche:

Bambini hi-tec: le nuove tecnologie per bambini sotto i tre anni?
Come vivono il proprio corpo gli adolescenti?
Per i genitori: staccare la spina da telefono, lavoro e dedicarsi alla famiglia
E’ ora di fare la nanna… alcune strategie per una “Buonanotte”!
Quando utilizzare internet e pc diventa eccessivo: dipendenza da internet
Utile idea regalo… un gioco “reale”: il puzzle!
L’importanza del padre nella crescita
Come limitare la gelosia tra fratelli
Il regalo: quale significato ha?
Buoni atteggiamenti nello svolgimento dei compiti e degli impegni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verra' pubblicato.
Campi obbligatori*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.