fbpx
  • Home
  • Scuola
  • Perché i regoli rappresentano il giusto approccio per scoprire i numeri
Offerte Hotel Le Canne

Perché i regoli rappresentano il giusto approccio per scoprire i numeri

Perche-i-regoli-rappresentano-il-giusto-approccio-per-scoprire-i-numeri-

Da sempre i regoli rappresentano il giusto approccio per i bambini per scoprire i numeri e il calcolo matematico. Vengono utilizzati per la prima volta in prima elementare per aiutare il piccolo a imparare a confrontare e ordinare i numeri.

Nel dettaglio i regoli permettono a ogni bambino di toccare fisicamente le unità e di conseguenza i numeri, permettendo loro un apprendimento più semplice delle basi della matematica. Per meglio dire, se dobbiamo far capire che la somma di 6 si può raggiungere attraverso diversi modi, si potrà mostrare l’addizione di 1+1+1+1+1+1 oppure 2+2+2, oppure 3+3, attraverso i mattoncini colorati.

Giocando con questi strumenti, il bambino potrà scoprire, in modo molto intuitivo e divertente, le regole delle operazioni elementari della matematica, ovvero l’addizione, la moltiplicazione la sottrazione e la divisione.

Caratteristiche

Solitamente questi mattoncini sono contenuti in scatole di 200 pezzi. Al loro interno potremo trovare cubetti bianchi grandi 1×1 cm che rappresentano l’unità minima fondamentale, cioè il numero 1. Seguono poi solidi di colore rosso, verde e fucsia, lunghi rispettivamente 2, 3 e 4 cm in sostituzione dei numeri 2, 3 e 4. Infine, troviamo i mattoncini di colore giallo, verde scuro, nero, marrone, blu e arancione che simboleggiano i numeri 5, 6, 7, 8, 9 e 10.

L’uso dei regoli è stato ideato negli anni Cinquanta dal maestro elementare belga Georges Cuisenaire. Questo nuovo metodo di apprendimento ebbe subito un grande successo, prima in Belgio e a seguire nel resto d’Europa. Non è un segreto che ancora oggi risultino essere un metodo efficace e intuitivo per spiegare l’aritmetica ai bambini.

Il loro inquadramento scientifico è stato ufficializzato dal matematico inglese C. Gattegno.

Sui banchi di scuola, l’invenzione di Cuisenaire ha preso il posto del caro vecchio pallottoliere, o  abaco, lo strumento utilizzato durante i primi approcci alla matematica sin dai tempi antichi.

Sul mercato è possibile trovare mattoncini in plastica e in legno, la scelta dipende dalle preferenze di ogni singolo genitore o bambino.

Come si usano

Prima di utilizzare i regoli è importante che si insegnino al bambino i numeri e le quantità. Per favorire l’apprendimento delle informazioni di tipo matematico è utile insegnare ai piccoli alcune filastrocche dei numeri.

Solitamente si inizia dalle addizioni perché sono le operazioni più semplici da spiegare e soprattutto da capire. Sicuramente si tratta delle meno complesse per la mente del bambino e la sua attenzione non ne risentirà. Successivamente sarà la volta delle sottrazioni ed infine si passerà alle operazioni più complesse, ossia le moltiplicazioni seguite in un secondo momento dalle divisioni.

È importante capire che imparare a sommare e sottrarre così come a moltiplicare e dividere è più divertente giocando, per questo è necessario prima di procedere con i calcoli veri e propri, far costruire ai piccoli delle casette, delle barchette o qualsiasi altro oggetto che attiri la loro attenzione. In questo modo capiranno subito che attraverso questi piccoli strumenti si può realizzare qualcosa di concreto.

  

Animatori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

© 2019 Copyright Bresciabimbi 2019.
Tutti i diritti riservati Bresciabimbi di Lorenzini Laura P.I: 03628940987.