Hotel Le Canne Ischia
  • Home
  • Pronti per il Carnevale?

Pronti per il Carnevale?

carnevale
 
Idee per feste di compleanno Super! 

Anche quest’anno torna puntuale il Carnevale!

In realtà arriva abbastanza presto, abbiamo appena salutato la Befana e archiviato gli addobbi natalizi che già siamo travolti dai colori delle maschere e dai profumi delle frittelle.

Carnevale è la festa più festa dell’anno! Ci si traveste e maschera e per un giorno si vive nei panni di qualcun altro. I bimbi adorano questo momento perchè non vedono l’ora di poter essere davvero quella principessa o fata che tanto amano o il coraggioso supereroe di cui non perdono una puntata. Trucco e parrucco non possono mancare, ma non si disdegni una buona collaborazione della fantasia. Certo il costume già pronto è bello e comodo ma qualcosa di creato con le proprie mani è un ricordo che non si cancella. Se non l’intero costume cerchiamo di far realizzare ai bimbi un dettaglio, un elemento che sia loro, ne saranno entusiasti.

 Capita però che dei bimbi siano spaventati o infastiditi dal frastuono del Carnevale e magari non vogliano proprio travestirsi. Non c’è da farne un dramma, solo rispettare ed accogliere l’emozione del bimbo.

A Carnevale ogni scherzo vale, dicevano i nonni, chiaramente senza offendere e far male a nussuno, questo sia chiaro. Lo scherzo deve far ridere anche chi lo subisce!

Manca davvero poco, che la festa abbia inizioo!!

Ma sapete da dove arriva il Carnevale?

La parola carnevale deriva da “carnem levare” (eliminare la carne) e le origini di questa festa sono molto, molto antiche…

Già al tempo dei Romani, in un certo periodo dell’anno, si usava mettersi una maschera, scendere per le strade, ballare, schiamazzare e fare la più grande baldoria possibile. Tali feste, cui partecipava tutto il popolo, schiavi compresi, si chiamavano “Saturnali” e duravano tre giorni. In Egitto tale festa risale almeno a 4000 anni fa, ai tempi dei Faraoni. Gli egiziani in onore della Dea Iside, che rappresentava la vita, facevano riti, con loro cominciarono le prime tradizioni di Carnavale.
Il significato di Carnevale, come lo intendiamo oggi, è di tradizione cristana. La parola carnevale deriva da carnem levare (eliminare la carne), poiché anticamente indicava i giorni che precedono il principale periodo di penitenza del Cristianesimo: la Quaresima. Carnevale termina nei giorni definiti “grassi”, dal giovedì al mercoledì delle Ceneri, (Ceneri perché il prete durante la funzione mette sulla testa un po’ di cenere) cioè 40 giorni prima di Pasqua, e inizia per la Chiesa la Quaresima. Ogni anno ha una data diversa, dai primi giorni di Febbraio alla fine della seconda settimana di Marzo, dipende sempre dalla data di Pasqua

Ritornando alla storia del Carnevale, nel  periodo Medievale  gli attori, recitando, si coprivano, il volto con una maschera che serviva per ampliare la voce e per dare, con la fisionomia, l’idea di quello che rappresentavano: quindi c’era una maschera tragica e una comica.
Dal Quattrocento, il Carnevale subirà una serie di attacchi. La Chiesa, Savonarola, volevano sopprimere questa festa, considerata troppo Pagana.
Durante i secoli, il Carnevale, ha stimolato la nascita di celebrazioni in forma di combattimento rituale fra classi sociali, in cui venivano evidenziate le lotte fra varie parti, di una stessa Città. Oggi a Ivrea a Carnevale c’è la battaglia delle arance. Durante il Carnevale le persone si prendevano a bastonate o a sassate.  I nobili invece organizzavano giochi di dimostrazione della propria abilità nel maneggiare le armi.

Nel 1700 la maschera divenne la caratteristica del Carnevale e, ancora oggi, c’è chi ama nascondersi sotto di essa per compiere azioni burlesche. Inoltre in questo secolo nacque la Commedia italiana detta dell’arte, nella quale gli attori, seguendo una piccola traccia o canovaccio, improvvisavano la loro parte. Uniti in compagnia vagavano di paese in paese, spesso in miseria, divertendo il popolo e i signori.
Nacquero così le maschere, tipi fissi di origine regionale, che con il passare degli anni sono diventate il simbolo delle città di provenienza (vedi Pulcinella per Napoli, Balanzone a Bologna…)

(fonte:www.eticamente.net)

 

Atre idee...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

VIENI A TROVARCI SU FB!


IL NOSTRO NETWORK


time 4 kids logo

familandia logo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!


© 2018 Copyright Bresciabimbi 2018.
Tutti i diritti riservati Bresciabimbi di Lorenzini Laura P.I: 03628940987.